GRATUITO PATROCINIO: MOZIONE CONGRESSUALE PER LA PRECISAZIONE REDDITO PER AMMISSIONE

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

IL CONGRESSO CHIEDE DI DEFINIRE IL REDDITO DEL GRATUITO PATROCINIO

il-congresso-chiede-di-definire-il-reddito-del-gratuito-patrocinio

il-congresso-chiede-di-definire-il-reddito-del-gratuito-patrocinio

Anche il Congresso Nazionale Forense ha approvato e sostiene la richiesta al Ministero dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura: è oramai improrogabile dare una definizione standard del reddito da utilizzare per la determinare la soglia di ammissione al patrocinio a spese dello stato.

Infatti, appare necessario intervenire per risolvere la disomogeneità con la quale viene interpretata la norma che identifica i requisiti reddituali per garantire la difesa processuale  gratuita per i meno abbienti.

Appare in particolare importante sottolineare la necessità precisata dal congresso, da interrogazioni parlamentari, dalle richieste dei consigli dell’ordine e da intese con le associazioni e ministero perchè vi sia un intervento per chiarire a tutti i soggetti che ammettono i non abbienti al patrocinio a spese dello stato l’utilizzo di un criterio uniforme capace di garantire equità e giustizia nelle pronunce inerenti.

ANCHE AL SENATO IL DDL X ESTENSIONE DEL GRATUITO PATROCINIO A MINORI E DISABILI

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

ANCHE AL SENATO LA PROPOSTA OUA DI ESTENSIONE DEL GRATUITO PATROCINIO A MINORI E DISABILI

Al Senato il DDL x minori e disabili con gratuito patrocinio

Al Senato il DDL x minori e disabili con gratuito patrocinio

Dopo l’esordio alla Camera dei Deputati con il DDL 3720, la proposta dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura sbarca anche nell’altra Camera: il senatore Enrico Buemi ha depositato lo scorso 3 maggio un pari DDL (S. 2367) qui sottoscritto da ben 26 senatori, quasi il 10 % del Senato, che chiede di estendere a figli minori e disabili l’accesso al patrocinio dello Stato senza limite di reddito per la costituzione di parte civile nel reato di mancato versamento degli alimenti nei loro confronti.

Si tratta di una manifestazione di rilevanza della proposta dell’Avvocatura italiana che chiede di dare migliore tutela ai più deboli ed indifesi.

CASSAZIONE: SI DEVONO TOGLIERE GLI ONERI DEDUCIBILI DAL REDDITO DEL GRATUITO PATROCINIO

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

OUA E CONGRESSO AVEVANO RAGIONE: VANNO TOLTI GLI ONERI DEDUCIBILI DAL REDDITO DEL GRATUITO PATROCINIO E COSI’ AUMENTA IL NUMERO DEGLI AVENTI DIRITTO

Corte di cassazione, sentenza 17 agosto 2016, n. 34935.

Oneri deducibili via da reddito del gratuito patrocinio

Oneri deducibili via da reddito del gratuito patrocinio

La Suprema Corte affronta la tematica dell’esatta determinazione del limite del reddito per accedere al patrocinio a spese dello Stato precisando finalmente che esso deve computarsi al netto degli oneri deducibili ma non degli oneri detraibili.

Si viene così incontro per via giurisprudenziale a quanto chiesto dall’avvocatura nel corso dello scorso congresso forense a Venezia ed OUA in merito alla necessità di precisazione delle modalità di omogenea determinazione del reddito da impiegare nella determinazione della soglia di accesso alla difesa dei non abbienti.

GRATUITO PATROCINIO: LA STORIA DI UNA RIFORMA

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

GRATUITO PATROCINIO. LA RIFORMA DELLA LIQUIDAZIONE: UNA VITTORIA DAI MOLTI PADRI, O SOLO UNO?

Gratuito patrocinio: una vittoria della giustizia

Gratuito patrocinio: una vittoria della giustizia

Come sempre accade vi sono storie che non interessano a nessuno fino a quando diventano famose; allora tutti ne vogliono parlare, tutti ne rivendicano una conoscenza diretta o persino un ruolo da co-protagonisti nell’averle fatte accadere.

Tutto questo è successo al patrocinio spese dello Stato ed alla sua recente comparsa in legge stabilità 2016.

Dopo anni di poca attenzione riservata alla difesa processuale dei più deboli, improvvisamente molti hanno deciso di riservarle uno spazio sotto i riflettori, per parlare proprio di quell’argomento scomodo che è la Giustizia e la difesa degli indifesi.

GRATUITO PATROCINIO: OUA CHIEDE L’ESTENSIONE ALLE VITTIME DELL’AMIANTO

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

OUA DICE BASTA A VITTIME SENZA DIFESA NEI PROCESSI PER L’AMIANTO

OUA: gratuito patrocinio

OUA

L’Organismo Unitario dell’Avvocatura sostiene la proposta di legge 1942/2015 per estendere l’ammissione senza limite reddituale al patrocinio a spese dello Stato alle vittime nei processi penali per disastro, morti e lesioni dovute ad esposizione ad amianto. Arriva all’uopo la delibera assembleare dello scorso 15 novembre a Torino.

Il ddl 1942 era stato presentato nello scorso luglio 2015 e ne abbiamo giù parlato favorevolmente qui: http://www.avvocatogratis.com/2015/07/arriva-il-gratuito-patrocinio-per-le-vittime-dellamianto/

La proposta normativa che si sostiene consentirà alle persone offese che si devono costituire quali parti civili di poter effettivamente esercitare il diritto di difesa in processi che si sviluppano sempre fino al terzo grado di giudizio, con esiti incerti, con oneri processuali gravosissimi; tutto questo avverrà senza dover dipendere da una capacità patrimoniale del singolo che è sicuramente sproporzionata alle risorse necessarie per stare in giudizio contro potentati immensi e per tempi talvolta troppo lunghi.

ESTENSIONE ESENZIONI PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER RECUPERO CREDITI PROFESSIONALI

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

RICETTA ANTICRISI X AVVOCATI: RECUPERO CREDITO CON ESENZIONI DA GRATUITO PATROCINIO

Recupero crediti professionisti

Recupero crediti professionisti

L’OUA propone di aiutare la crisi del settore dei lavoratori del mondo professionale, fra cui gli Avvocati,  estendendo al recupero credito dei professionisti le esenzioni di contributo unificato e bolli del gratuito patrocinio.

Si è partiti dal prendere atto che la crisi economica sta falcidiando il mondo delle professioni  avviene anche a causa della progressiva crescita degli insoluti dei lavoratori autonomi delle libere professioni.

La congiuntura economica e le difficoltà a recuperare i crediti professionali stanno sempre più portando la categoria dei professionisti, partendo dagli avvocati per arrivare veterinari, alla irreversibile erosione reddituale.

GRATUITO PATROCINIO: IL CORRIERE FA IL CONFRONTO CON L’EUROPA

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

ANCHE PER IL CORRIERE DELLA SERA l’ACCESSO ALLA DIFESA DIVENTA UNA PRIORITA’ NAZIONALE

Corriere della Sera & Gratuito Patrocinio

Corriere della Sera & Gratuito Patrocinio

Riportiamo un interessantissimo articolo del supplemento del Corriere della Sera che da atto dello stato del patrocinio a spese dello Stato in Italia partendo dai dati elaborati nel Paper di art. 24. Cost. e OUA di qualche mese fa.

Il gratuito patrocinio è riconosciuto come un diritto fondamentale per essere alla pari di come il cittadino viene tutelato e garantito nei pari paesi europei.

Da rilevare anche l’impegno profuso, con risultati, dall’Organismo Unitario dell’Avvocatura nel chiedere tutela e riconoscimento alle necessità di valorizzazione del patrocinio a spese dello Stato.

Un grazie da parte nostra anche all’Avvocato Alberto Vigani, coordinatore della Commissione Patrocinio a spese dello Stato di OUA.

ECCO L’AUMENTO TETTO AL REDDITUALE DEL GRATUITO PATROCINIO

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

GRATUITO PATROCINIO: IL MINISTERO ADEGUA IL TETTO REDDITUALE IN RITARDO DI 37 MESI

Aumento tetto reddituale gratuito patrocinio

Aumento tetto reddituale gratuito patrocinio

Gli interventi del Congresso Nazionale Forense, di OUA, di Art. 24 COST. e le interrogazioni parlamentari (alla Camera ed al Senato) hanno finalmente portato il Ministro di Giustizia Andrea Orlando ad adeguare il tetto reddituale del patrocinio a spese dello Stato recuperando il biennio di ritardo che trascinava oramai da oltre 4 anni.

Ora il tetto reddituale è aumentato a € 11.528,41 ed è aggiornato al 30 giugno 2014 (prima era di € 11.369,24). Il prossimo aumento sarà da computare ed attendere alla fine del biennio in corso,  al 30 giugno 2016.

GRATUITO PATROCINIO: INTERROGAZIONE AL SENATO PER ADEGUARE IL TETTO REDDITUALE

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

INTERROGAZIONE PARLAMENTARE: 36 MESI DI RITARDO PER IL GRATUITO PATROCINIO

OUA: gratuito patrocinio

OUA

Il tetto reddituale per l’ammissione al gratuito patrocinio deve essere aggiornato del tasso ISTAT ogni 2 anni. Purtroppo in Italia abbiamo perso un intero biennio di adeguamento ed oggi l’ultimo adeguamento del tetto reddituale risale al 30 giugno 2012. Oggi siamo al 30 giugno 2015: sono passati oramai 3 anni.

Serve aumentare la soglia reddituale dell’inflazione di questo triennio e serve farlo subito.

  • Lo ha segnalato l’associazione Art. 24 Cost.
  • Lo ha rilevato il Congresso Nazionale Forense.
  • Lo ha ribadito l’Organismo Unitario dell’Avvocatura.

Ora è stato chiesto nelle aule parlamentari con l’interrogazione al Senato della Repubblica dall’Onorevole Enrico Buemi, che esige una risposta scritta.

INTERROGAZIONE PARLAMENTARE CHIEDE ADEGUAMENTO TETTO REDDITUALE

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

LA RICHIESTA DI OUA E CONGRESSO PER LA TUTELA DEL GRATUITO PATROCINIO DIVENTA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE AL SENATO

Senatore Enrico Buemi tutela gratuito patrocinio

Senatore Enrico Buemi

GIUSTIZIA: IL SENATORE ENRICO BUEMI, URGENTE ADEGUARE TETTO REDDITUALE PER L’ACCESSO AL PATROCINIO GRATUITO GARANTITO AI MENO ABBIENTI

24 GIUGNO 2015 – L’Onorevole Buemi spiega il suo intervento al senato in tutela del diritto all’accesso alla difesa ed al gratuito patrocinio, esponendo i contenuti dell’interrogazione appena presentata.

L’associazione Art. 24 Cost. è orgogliosa di dare diffusione alla notizia riportando per intero l’intervento stampa del senatore Buemi che ha sempre avuto la massima sensibilità per la tutela dei diritti del cittadino e, in particolar modo, quelli nei confronti dello strapotere dello stato.

OUA INSISTE PER IL GRATUITO PATROCINIO NELLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

OUA RILEVA CHE MANCA EFFETTIVO GRATUITO PATROCINIO ALLA NEGOZIAZIONE ASSITITA

OUA: Mirella Casiello

OUA

L’Organismo Unitario dell’Avvocatura chiede tutela per l’accesso alla difesa anche nella negoziazione assistita.

La Legge 162 del 10.11.2014, conversione D.L. 132-2014, che ha introdotto l’istituto prevede che quando il procedimento di negoziazione assistita è condizione di procedibilità della domanda, all’avvocato non è dovuto compenso dalla parte che si trova nelle condizioni per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, ai sensi dell’articolo 76 (L) del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115 e successive modificazioni.
Da ciò la conseguenza che il difensore sembrerebbe dover svolgere a titolo gratuito la propria attività in sede di negoziazione assistita, conseguenza tale da suscitare perplessità sotto il profilo sistematico.

LA CASSAZIONE CUMULA IL REDDITO DEI FIGLI ANCHE NELLE SEPARAZIONI DEI GENITORI

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

DIVORZIO: LE COLPE DEI PADRI RICADANO SUI FIGLI, O VICEVERSA?

Separazione e Divorzio

Separazione e Divorzio

Cosa accade se una coppia con figli con reddito vuole separarsi e uno dei genitori è invece privo di reddito, o quasi?

Il massimo Ufficio Giudiziario ci dice che il genitore debole non potrà avere il patrocinio a spese dello Stato se il reddito dei figli cumulato fra loro, ed al suo, supera la soglia di legge per l’ammissione. I redditi si cumulano perchè la norma non prevede l’estensione ai figli della situazione di conflittualità giustificante l’esenzione dal medesimo cumulo.