custom-header
GRATUITO PATROCINIO E TUTELA DELLE FASCE DEBOLI: IL PERCHE’ DI UNA CONTRADDIZIONE DI STATO.
GRATUITO PATROCINIO o forse indifferenza di stato

GRATUITO PATROCINIO o forse indifferenza di stato

A volte si parla di regia occulta, altre di semplice indifferenza ai più deboli.

L’istituto del gratuito patrocinio è stato sinora scarsamente promosso dallo Stato, che spesso lo ha reso di difficile attuazione e divulgazione, tanto da essere utilizzato da una percentuale inverosimilmente bassa di quei cittadini possedevena i requisiti di ammissibilità.
Eppure il richiamo nelle carte costituzionali italiana ed europea sono la prova che il gratuito patrocinio costituisce, invero, il primo strumento processuale attraverso cui una società  che voglia definirsi “civile”, può davvero garantire il controllo di legalità  e il principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge.




CRISI ECONOMICA IN CRESCITA MA AVVOCATO GRATUITO PER DIFENDERSI

CRISI E TRIBUNALI SONO COLLEGATI?

La crisi economica avanza e il rischio di un contenzioso cresce. Si, sembra una frase fatta ma è la realtà. Purtroppo,  anche la nostra!

Questa analisi vale sia

  • se siete dei creditori,
  • se siete dei possibili, ma non certi, debitori.

Vediamo assieme il perché.

  1. Se avete prestato dei soldi a qualcuno o avete venduto qualcosa, e non vi hanno ancora pagato, la capacità di fare fronte ai propri impegni del debitore è gradualmente in calo con l’avanza della crisi economica. La tentazione di non pagare ed inventarsi delle giustificazioni, più o meno valide, può essere forte.

COME SCRIVERE LA DOMANDA DI AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO?

GRATUITO PATROCINIO: ISTRUZIONI PER L’USO

Gratuito patrocinio

Gratuito patrocinio

Spesso non si sa come attivare un servizio a cui si ha diritto e non si riesce a beneficiarne solo perchè non si trovano le istruzioni minime per evitare che la pubblica amministrazione risponda con incomprensibili divieti o rifiuti privi di ogni buon senso.

A volte può capitare anche con l’ammissione al gratuito patrocinio (o, con la dizione aggiornata, “Patrocinio a spese dello stato”).

Al fine di scongiurare giri a vuoto e riuscire nell’attivazione immediata dell’istituto, vediamo assieme come preparare la domanda di ammissione al gratuito patrocinio, a chi inviarla e come schivare errori che impedirebbero il pagamento delle spese di lite da parte dello stato.

Per facilitare la comprensione del percorso esaminiamo uno ad uno i punti salienti rispondendo alle domande più frequenti (FAQ).

SE SONO AMMESSO AL PATROCINIO GRATUITO, CHI SCEGLIERA’ IL MIO AVVOCATO?

Una domanda che interessa tutti coloro che abbisognano, e che hanno diritto, al gratuito patrocinio: cosa potrò fare dopo l’ammissione al gratuito patrocinio?

O meglio: nel gratuito patrocinio, chi sceglierà  il mio avvocato?

Chi sceglie l'avvocato giusto?

Chi sceglie l’avvocato giusto?

A chi è avezzo alla materia, la risposta potrà  sembrare scontata, ma non è così per chi ne ha davvero bisogno e non ha familiarità  con il procedimento.

E’ perciò giusto spiegare a chiare lettere che chi è ammesso al patrocinio in effetti ha il diritto di nominare un difensore scelto tra gli iscritti negli elenchi degli avvocati per il patrocinio a spese dello Stato, istituiti presso i consigli dell’ordine del distretto di Corte d’appello nel quale ha sede il magistrato competente a conoscere del merito della causa o il magistrato dinanzi al quale pende il processo.

PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (avvocato gratis) IN MATERIA PENALE

Gratuito patrocinio in materia penale

Il gratuito patrocinio a spese dello Stato (ovvero l’accesso all’Avvocato gratis) può essere concesso nell’ambito del processo penale a favore di indagato, imputato, condannato, offeso dal reato, danneggiato che intendano costituirsi parte civile, responsabile civile o civilmente obbligato per l’ammenda.

Per essere ammessi al Patrocinio gratuito a spese dello Stato, anche in ambito penale è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a euro10.776,33..
Se l’interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’istante.
La regola che impone la somma di tutti i redditi prodotti dai componenti della famiglia è, in questo caso, contemperata dalla previsione di un aumento del limite di reddito che, a norma dell’art.92 del T.U., è elevato ad euro 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.

GRATUITO PATROCINIO: ECCO L’AGGIORNAMENTO DEL LIMITE DI REDDITO

Con il Decreto 20 gennaio 2009 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale 27 marzo 2009, n. 72)  il Ministro della Giustizia ha consentito l’adeguamento del limite di reddito per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato all’aumento dell’indice Istat dei prezzi al consumo.

Il nuovo riferimento reddituale è stato così elevato da euro 9.723,84 ad euro 10.628,16.

Da oggi, quindi, sarà possibile chiedere l’ammissione al beneficio del patrocinio statale se si ha un reddito uguale od inferiore ad euro 10.628,16.

www.avvocati.venezia.it

Di seguito si riporta per esteso il testo del decreto del ministero.

Decreto 20 gennaio 2009 (Ministero della Giustizia) (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 72 del 27 marzo 2009)

IL CAPO DIPARTIMENTO per gli affari di giustizia del Ministero della giustizia

GRATUITO PATROCINIO: VINCERE UNA CAUSA CON LA COMUNICAZIONE GIUSTA

Anche nelle cause con il gratuito patrocinio bisogna ricordare che l’obiettivo è VINCERE.

Chi ha diritto di essere ammesso al patrocinio a spese dello stato può vincere la causa anche se il suo avvocato non lo paga lui.

E oggi per vincere bisogna essere competitivi, ovvero dobbiamo essere più evoluti del nostro avversario.

Si è vero, pure nel mondo del processo con il patrocinio dello stato (avvocato gratis) bisogna pensare che c’è un avversario da battere. Solo pensando a essere più forte degli altri puoi garantirti più probabilità di successo

Per questo motivo, e poiché la nostra vittoria e la sconfitta della nostra controparte vengono decise da un terzo, ovvero dal Giudice, conta chi riesce più degli altri a influenzarlo, non si può credere che l’esser stati ammessi al patrocinio gratuito (avvocato gratis) ci dia un vantaggio.