custom-header
OUA INSISTE PER ADEGUAMENTO DEL TETTO REDITTUALE PER IL GRATUITO PATROCINIO

ANCHE OUA CHIEDE AL MINISTERO DI GIUSTIZIA L’ADEGUAMENTO DEL TETTO REDDITUALE  PER L’AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO

OUA: Mirella Casiello

OUA

Anche l’Organismo Unitario dell’Avvocatura fa propria la mozione deliberata a grandissima maggioranza nello scorso ottobre  al XXXII Congresso Nazionale Forense per l’innalzamento della soglia di reddito che consente l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato. L’attuale soglia è purtroppo in arretrato di 34 mesi.

Per questo rivolgiamo un grande segno di apprezzamento per l’attenzione che OUA offre al diritto all’accesso della difesa e dei più deboli.

A completamento della tutela dei meno abbienti viene anche chiesta la precisazione che l’importo indicato sia inteso al netto dei componenti negativi del reddito e degli oneri deducibili ammessi per legge. Invero, il detto tetto reddituale è sovente reso più difficile da raggiungere perchè i soggetti richiedenti l’ammissione incontrano differenti interpretazioni sulla determinazione esatta del proprio reddito al netto degli oneri deducibili, così vedendo a volte escludere l’applicazione delle deduzione di legge e conseguentemente subendo un aumento nominale del proprio reddito che impedisce l’accesso al beneficio;

Di seguito riportiamo l’istanza approvata dall’Assemblea dell’OUA nel suo testo integrale.

David Del Santo


ISTANZA PER CONSENTIRE L’EFFETTIVA FRUIBILITA’ DEL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO CON L’ADEGUAMENTO DEL TETTO REDDITUALE

Ill.mo Ministro di Giustizia,

premesso

  1. che l’Articolo 24 della Costituzione Italiana, coerente anche con la previsione dell’Articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e dell’Articolo II-107 della Costituzione Europea, prevede che, “a coloro che non dispongono di mezzi sufficienti è concesso il patrocinio a spese dello Stato, qualora ciò sia necessario per assicurare un accesso effettivo alla giustizia”;
  2. che la disciplina attuativa di tale normativa costituzionale è prevista nel “Testo Unico Spese di Giustizia” (DPR 115/2002) negli art. 76 e seguenti;
  3. che proprio l’art. 77 di tale decreto presidenziale prevede che il tetto reddituale individuante i soggetti aventi diritto al patrocinio senza spese a proprio carico deve essere aggiornato ogni “2 anni” per evitare che l’erosione dell’inflazione impedisca di aiutare le persone effettivamente bisognose;
  4. che il tetto reddituale previsto in origine del DPR 115/2002 era di euro 9.296,22 di imponibile ed è stato aggiornato a € 10.628,16, in adeguamento alla crescita dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, il 20 gennaio 2009 ma con riferimento fino al 30 giugno 2008;
  5. che due anni fa vi è stata una variazione in aumento che ha portato il tetto reddituale a € 10.776,28 adeguandolo soltanto all’aggiornamento ISTAT al 30.06.2010;
  6. che la più recente variazione in aumento è pervenuta dal Ministero di Giustizia con Decreto 1 aprile 2014 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2014, n. 169) e ha portato il tetto reddituale ad Euro 11.369,24;
  7. che tale aumento ha, tuttavia, solo recuperato il biennio dal 1 luglio 2010 al 30 giugno 2012 e con riferimento solo all’inflazione nominale, NON recuperando il biennio già  scaduto dal 1 luglio 2012 al giugno 2014 e ciò senza tener conto della ancor maggior perdita di acquisto legata alla crisi che hanno patito le famiglie italiane;
  8. che, pertanto, essendo oramai decorsi ulteriori 30 mesi, pari a oltre 2 anni, dall’ultima variazione effettiva del tetto reddituale, appare necessario adeguare, per i periodi relativi al biennio 1° luglio 2012 – 30 giugno 2014, il predetto limite di reddito fissato a oggi in euro 11.369,24 con riferimento al superato giugno 2012;
  9. che l’intervento risulta, vieppiù, necessario rilevando che nel periodo relativo al biennio considerato, dai dati accertati dall’Istituto nazionale di statistica, risulta una variazione in aumento dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati pari ad oltre il 2,40%.

considerato

  • che il medesimo tetto reddituale è sovente reso più difficile da raggiungere perchè i soggetti richiedenti l’ammissione incontrano differenti interpretazioni sulla determinazione esatta del proprio reddito al netto degli oneri deducibili, così vedendo a volte escludere l’applicazione delle deduzione di legge e conseguentemente subendo un aumento nominale del proprio reddito che impedisce l’accesso al beneficio;
  • che l’adeguamento del tetto reddituale per l’accesso al patrocinio a spese dello Stato consentirà di accedere alla effettiva tutela dei propri diritti avanti la giurisdizione della Repubblica a persone che, allo stato, non se lo possono permettere;
  • che l’impoverimento del potere di acquisto delle famiglie italiane è di fatto ben superiore a quanto censito dall’indice Istat e richiederebbe persino che lo stesso DPR 115/2002 venisse modificato includendo in aumento, oltre alla variazione Istat, anche la rivalutazione monetaria del periodo di riferimento.

Tutto ciò premesso e considerato

L’Organismo Unitario dell’Avvocatura, a paritaria tutela dei cittadini italiani e dei principi espressi nella Carta costituzionale nonché nell’interesse del Paese,

CHIEDE

al Ministero di Giustizia di porre in essere ogni necessaria iniziativa, anche innanzi tutte le sedi competenti ed opportune, affinché

  • venga immediatamente emanato il decreto ministeriale che modifica il tetto reddituale per l’ammissione adeguandolo al tetto di legge per come maturato alla data odierna;
  • si precisi che tale importo è al netto dei componenti negativi del reddito e degli oneri deducibili ammessi per legge.

 

Il Presidente Mirella Casiello

Copia dell’istanza è anche consultabile su Slideshare.

***

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su FACEBOOK!.

Art. 24 Cost. contribuisce dal 2010 a:

1. divulgare l’informazione sul patrocinio a spese dello Stato
2. divulgare informazioni di interesse generale in merito al diritto alla difesa
3. distribuire gratuitamente Guide e supporto per l’accesso al patrocinio a spese dello Stato.

Non aspettare per imparare come darti la migliore tutela: saperne di più vuol dire NON SBAGLIARE!

Ora, scarica qui di seguito le Guide Brevi predisposte dallo staff di Avvocatogratis.com e dall’associazione Art. 24 Cost. CLICCANDO QUESTO LINK ADESSO

oppure guardando subito la video intervista che trovi qui sotto.

ASSOCIAZIONE ART. 24 COST. PER LA TUTELA DEL DIRITTO DI DIFESA

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

2 Comments

  1. Salve,
    ho lavorato con contratto a prggetto dal gennaio 2011 a settambre 2012.
    Contratto chiuso in anticipo su scadenza per mancanza lavoro.
    Sempre stessa azienda,contratto di 2000,00 annui.
    Non ho svolto altri lavori.ora sono disoccupato dal 13/09.posso richiedere la disoccupazione?
    Se si come devo fare e ne ho diritto?
    Non ho nessuna fonte di reddito.
    Keice

  2. Diamo supporto solo in materia di ammissione al beneficio di Stato.
    Per l’ammissione al gratuito patrocinio civile deve avere un un reddito inferiore a € 11.528,41 e può autocertificare il suo reddito (l’ISEE non serve a nulla).

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.
    (Lo può scaricare on line in qualunque formato qui: http://www.smashwords.com/books/view/273075)

    Qui trova i redditi da computare nella determinazione del tettore reddituale per l’ammissione: http://www.avvocatogratis.com/2012/12/tabella-dei-redditi-da-computare-per-il-gratuito-patrocinio/

    Qui invece trova gli avvocati che hanno dato la loro disponibilità al sito e che siamo già riusciti a pubblicare: http://www.avvocatogratis.com/avvocato-gratuito-patrocinio/elenco-avvocati-abilitati-al-gratuito-patrocinio/

    Cordialità.
    Alessio
    Staff
    Associazione ART. 24 COST.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.