custom-header
TABELLA DEI REDDITI DA COMPUTARE PER IL GRATUITO PATROCINIO

SCHEMA DEI REDDITI DA COMPUTARE O MENO NELLA DETERMINAZIONE DEL TETTO REDDITUALE

GRATUITO PATROCINIO: SCHEMA DEI REDDITI DA COMPUTARE O MENO NELLA DETERMINAZIONE DEL TETTO REDDITUALE CHE CONSENTE L’AMMISSIONE ALL’ASSISTENZA LEGALE A SPESE DELLO STATO. www.gratuitopatrocinio.com

Ai soli fini dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, deve essere considerato il SOLO reddito delle persone fisiche (IRPEF).

Ai sensi dell’articolo 76 del DPR 30 maggio 2002 n. 115  ovvero il testo Unico sulle Spese di Giustizia l’ammissione al gratuito patrocinio è riservata solo a coloro il cui reddito non supera la soglia di reddito imponibile ai fini dell’imposta personale sul reddito, risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi, di € 11.369,24 a seguito dell’ultimo aggiornamento dell’ottobre 2014.

Qualora il patrocinio a spese dello Stato venga però richiesto per una difesa in un processo penale e il soggetto richiedente l’assistenza legale conviva con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’istante (comma 2), ma il tetto reddituale di € 11.369,24 è maggiorato di € 1.032,91 per ciascuno dei detti familiari conviventi (articolo 92).

I singoli redditi del richiedente vanno indicati in sommatoria per come riassunti in via esemplificativa nella tabella sottostante, e ad essi vanno poi detratti gli oneri deducibili (prima casa, familiari a carico etc.). L’elencazione sottostante non ha valore tassativo ed ogni cespite reddituale percepito deve essere verificato anche a mezzo della consulenza del proprio fiscalista o di un patronato.

Associazione Art. 24 Cost.



SCHEMA DEI REDDITI DA COMPUTARE O MENO NELLA DETERMINAZIONE DEL TETTO REDDITUALE

 

 

***

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su FACEBOOK!.

Art. 24 Cost. contribuisce dal 2010 a:

1. divulgare l’informazione sul patrocinio a spese dello Stato
2. divulgare informazioni di interesse generale in merito al diritto alla difesa
3. distribuire gratuitamente Guide e supporto per l’accesso al patrocinio a spese dello Stato.

Non aspettare per imparare come darti la migliore tutela: saperne di più vuol dire NON SBAGLIARE!

Ora, scarica qui di seguito le Guide Brevi predisposte dallo staff di Avvocatogratis.com e dall’associazione Art. 24 Cost. CLICCANDO QUESTO LINK ADESSO

oppure guardando subito la video intervista che trovi qui sotto.

ASSOCIAZIONE ART. 24 COST. PER LA TUTELA DEL DIRITTO DI DIFESA

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

11 Comments

  1. Buongiorno
    Come si calcola il reddito imponibile del CUD? Il reddito che compare nel riquadro n.1 e’ al lordo o al netto delle ritenute ?

    Grazie un saluto

  2. Di solito si usa il netto delle ritenute anche se, recentemente la cassazione – minuscola – ha statuito il riferimento in alcuni casi al lordo.
    Staff
    Alessio
    Art. 24 Cost.

  3. SE vivo ospite a casa di amici, e non risulto nel loro stato di famiglia, ma ho uno stato di famiglia mio dove risulto io sola, con residenza presso la loro abitazione, devo comunque calcolare i loro redditi per sapere se ho diritto o meno al gratuito patrocinio?

  4. Salve Veronica,
    mi spiace ma contano i conviventi.
    Per l’ammissione al gratuito patrocinio civile deve avere un un reddito inferiore a € 11.528,41 e può autocertificare il suo reddito (l’ISEE non serve a nulla) computando ogni somma percepita a titolo di reddito o integrazione allo stesso: l’agenzia delle entrate spesso computa a tale titolo anche le “prestazioni sociali erogate per conto dei Comuni”.

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.
    (Lo può scaricare on line in qualunque formato qui: http://www.smashwords.com/books/view/273075)

    Ad ogni buon conto, a titolo esemplificativo, fra i redditi da computare nella determinazione del tetto reddituale per l’ammissione si individuano le seguenti voci (http://www.avvocatogratis.com/2012/12/tabella-dei-redditi-da-computare-per-il-gratuito-patrocinio/) è ovviamente da computare anche il TFR come ogni altra retribuzione.

    Qui invece trova gli avvocati che hanno dato la loro disponibilità al sito e che siamo già riusciti a pubblicare: http://www.avvocatogratis.com/avvocato-gratuito-patrocinio/elenco-avvocati-abilitati-al-gratuito-patrocinio/

    Cordialità.
    Alessio
    Staff
    Associazione ART. 24 COST.
    GUIDA AL GRATUITO PATROCINIO: SCARICALA GRATIS IN E-BOOK
    Patrocinio a spese dello Stato: ecco gratis un PDF di 15 pagine sui segreti per avere l’ammissione al “gratuito patrocinio” e per scoprire una serie di utili
    http://www.avvocatogratis.com

  5. In quali pene incorre chi ha chiesto il gratuito patrocinio senza averne diritto ? E se questi è stato giudicato innocente, può chiedere , se portato in giudizio per questo motivo di essere assolto ? Grazie !

  6. non ho un reddito cerco avvocato da contattare solo per email gratuita o sms sul cellullare,sono disabile e non posso telefonare o rispondere al telefono. sono di cremona potete aiutarmi? non posso scaricare app e chat sul comuter e telefono per comunicare.

  7. Salve Daniela,

    per l’ammissione al gratuito patrocinio civile deve avere un un reddito inferiore a € 11.528,41 e può autocertificare il suo reddito (l’ISEE non serve a nulla) computando ogni somma percepita a titolo di reddito o integrazione allo stesso: l’agenzia delle entrate spesso computa a tale titolo anche le “prestazioni sociali erogate per conto dei Comuni”.

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.
    (Lo può scaricare on line in qualunque formato qui: http://www.smashwords.com/books/view/273075)

    Ad ogni buon conto, a titolo esemplificativo, fra i redditi da computare nella determinazione del tetto reddituale per l’ammissione si individuano le seguenti voci (http://www.avvocatogratis.com/2012/12/tabella-dei-redditi-da-computare-per-il-gratuito-patrocinio/) è ovviamente da computare anche il TFR come ogni altra retribuzione.

    Qui invece trova gli avvocati che hanno dato la loro disponibilità al sito e che siamo già riusciti a pubblicare: http://www.avvocatogratis.com/avvocato-gratuito-patrocinio/elenco-avvocati-abilitati-al-gratuito-patrocinio/

    Cordialità.
    Alessio
    Staff
    Associazione ART. 24 COST.
    GUIDA AL GRATUITO PATROCINIO: SCARICALA GRATIS IN E-BOOK
    Patrocinio a spese dello Stato: ecco gratis un PDF di 15 pagine sui segreti per avere l’ammissione al “gratuito patrocinio” e per scoprire una serie di utili
    http://www.avvocatogratis.com

  8. Gentilissimi, buongiorno.
    Mi potreste delucidare sul calcolo dei redditi al patrocinio del TFR?
    Và calcolato?
    In che misura?
    Per esempio, l’istante nel 2015, ha percepito 5.000,00 € di TFR, maturato in 5 anni, sul calcolo va indicata ttt la cifra oppure va suddivisa per le annualità di maturazione?
    In pratica, nel computo dei redditi 2015, vanno inseriti anche le 5.000,00 €, o soltanto 1.000,00, relativi alla percentuale maturata nell’anno degli accertamenti (2015)?
    Grazie

  9. Salve Romano,

    per l’ammissione al gratuito patrocinio civile deve avere un un reddito inferiore a € 11.528,41 e può autocertificare il suo reddito (l’ISEE non serve a nulla) computando ogni somma percepita a titolo di reddito o integrazione allo stesso: l’agenzia delle entrate spesso computa a tale titolo anche le “prestazioni sociali erogate per conto dei Comuni”.

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.
    (Lo può scaricare on line in qualunque formato qui: http://www.smashwords.com/books/view/273075)

    Ad ogni buon conto, a titolo esemplificativo, fra i redditi da computare nella determinazione del tetto reddituale per l’ammissione si individuano le seguenti voci (http://www.avvocatogratis.com/2012/12/tabella-dei-redditi-da-computare-per-il-gratuito-patrocinio/) è ovviamente da computare anche il TFR come ogni altra retribuzione.

    Qui invece trova gli avvocati che hanno dato la loro disponibilità al sito e che siamo già riusciti a pubblicare: http://www.avvocatogratis.com/avvocato-gratuito-patrocinio/elenco-avvocati-abilitati-al-gratuito-patrocinio/

    Cordialità.
    Alessio
    Staff
    Associazione ART. 24 COST.
    GUIDA AL GRATUITO PATROCINIO: SCARICALA GRATIS IN E-BOOK
    Patrocinio a spese dello Stato: ecco gratis un PDF di 15 pagine sui segreti per avere l’ammissione al “gratuito patrocinio” e per scoprire una serie di utili
    http://www.avvocatogratis.com

  10. Gentile Alessio – Staff in riferimento alla Vostra risposta del 17 gennaio 2016 al quesito di Veronica del 16 gennaio 2016, evidenzio che sostenete sia il reddito dei conviventi del quale si debba tenere conto a prescindere se essi facciano parte del nucleo fiscale.
    Mi permetto di osservare che l’ articolo 76 c. 1 ) prevedeva del caso che potesse essere ammesso al patrocinio chi era titolare di un reddito imponibile ai fini delle imposte personali sul reddito, risultante dall’ ultima dichiarazione, non superiore a euro 11.582,41.
    L’ articolo 76 c. 2 prevedeva in caso il richiedente convivesse con il coniuge o con altri familiari il reddito era composto dalla somma dei redditi di ogni componente la famiglia.
    Pertanto mi pare si debba intendere la somma dei redditi dei conviventi componenti il nucleo fiscale.
    Comunque in ogni caso non parlava di tenere conto dei redditi di persone che non risultassero nello stesso stato di famiglia ( nucleo familiare convivente ) come pure non parlava di sommare i redditi anche di persone che non fossero quantomeno familiari se risultanti nello stesso nucleo familiare convivente.

    Cordiali saluti.

  11. Salve Matteo,
    la giurisprudenza è costante nel ritenere da computare tutti i familiari di fatto anche se non consanguinei e non facenti parte del medesimo nucleo familiare iscritto all’anagrafe.

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.
    (Lo può scaricare on line in qualunque formato qui: http://www.smashwords.com/books/view/273075)

    Ad ogni buon conto, a titolo esemplificativo, fra i redditi da computare nella determinazione del tetto reddituale per l’ammissione si individuano le seguenti voci (http://www.avvocatogratis.com/2012/12/tabella-dei-redditi-da-computare-per-il-gratuito-patrocinio/) è ovviamente da computare anche il TFR come ogni altra retribuzione.

    Qui invece trova gli avvocati che hanno dato la loro disponibilità al sito e che siamo già riusciti a pubblicare: http://www.avvocatogratis.com/avvocato-gratuito-patrocinio/elenco-avvocati-abilitati-al-gratuito-patrocinio/

    Cordialità.
    Alessio
    Staff
    Associazione ART. 24 COST.
    GUIDA AL GRATUITO PATROCINIO: SCARICALA GRATIS IN E-BOOK
    Patrocinio a spese dello Stato: ecco gratis un PDF di 15 pagine sui segreti per avere l’ammissione al “gratuito patrocinio” e per scoprire una serie di utili
    http://www.avvocatogratis.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.