custom-header
CHE COS’E’ IL GRATUITO PATROCINIO?

ISTRUZIONI MINIME PER IL GRATUITO PATROCINIO

Gratuito patrocinio? Si, grazie.

gratuito patrocinio

Spesso ci vengono arrivano alcune domande per approfondire la conoscenza dei passaggi salienti del Patrocinio a spese dello Stato nel PROCESSO CIVILE.

Per facilitare l’accesso all’istituto riproponiamo una facile videoguida all’istituto ed un sunto con le istruzioni minime per approcciare la materia.

Per poi passare alla fase operativa consigliamo sempre di scaricare la “Guida Breve all’ammissione al Gratuito Patrocinio” – civile tributario amministrativo contabile e penale – scaricabile gratuitamente dai link posti alla fine di ogni paragrafo.

Partiamo dall’inizio.

*

COS’E’ IL GRATUITO PATROCINIO?

E’ un istituto che vale nell’ambito di un processo civile ed anche nelle procedure di volontaria giurisdizione (separazioni consensuali, divorzi congiunti, ecc.) e consente alla persona non abbiente di ottenere la nomina di un avvocato e la sua assistenza a spese dello Stato, purché le sue pretese non risultino manifestamente infondate.

L’ammissione al gratuito patrocinio è valida per ogni grado del processo e per le procedure connesse.

Per i giudizi amministrativi è stata istituita una Commissione per il patrocinio a spese della Stato presso il Consiglio di Stato, il Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Sicilia ed ogni tribunale amministrativo regionale (TAR) e sue sezioni distaccate.

La stessa disciplina si applica anche nel processo contabile e tributario.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

*



CHI NE E’ ESCLUSO ?

Non è ammesso il patrocinio a spese dello Stato:

  • nelle cause per cessione di crediti e ragioni altrui, (salvo se la cessione appaia fatta in pagamento di crediti o ragioni preesistenti).
  • per i condannati con sentenza definitiva per i reati di associazione mafiosa, e connessi al traffico di tabacchi e agli stupefacenti.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

 *

CHI PUO’ CHIEDERLO?

Possono ottenere il gratuito patrocinio:

  • i cittadini italiani,
  • gli stranieri, regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale;
  • gli apolidi;
  • gli enti od associazioni che non perseguano fini di lucro e non esercitino attività economica.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

 *

CON QUALE REDDITO SI PUO’ CHIEDERLO?

Il reddito dell’interessato non deve superare Euro 11.493,82 (dopo la riduzione del 18 gennaio 2018) di imponibile al netto degli oneri deducibili (tetto modificabile ogni due anni dal Ministro della giustizia con ultimo aggiornamento del gennaio 2018).

Se l’interessato convive con il coniuge o altri familiari – anche non consaguinei o affini, il reddito, ai fini della concessione del beneficio, è costituito dalla somma dei redditi di tutti i componenti la famiglia (anche more uxorio).

***

Si tiene conto solo del reddito dell’interessato nelle cause che hanno per oggetto diritti della personalità o se, nello stesso processo, gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti del nucleo familiare conviventi.

Nella determinazione dei limiti di reddito si tiene conto anche dei redditi che sono esenti da irpef (esempio pensione invalidità, indennità accompagnamento, ecc.) o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta, ovvero a imposta sostitutiva.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

*

COME SI FA A CHIEDERLO?

Con domanda (foglio aggiuntivo) in carta semplice che deve essere:

  • sottoscritta dall’interessato;
  • presentata dall’interessato o dal difensore (che in tal caso autentica la firma) o inviata a mezzo raccomandata A/R al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati competente.

La domanda, deve contenere:

  • la richiesta di ammissione al patrocinio a spese dello Stato (e l’indicazione del procedimento, se già pendente)
  • le enunciazioni in fatto e in diritto utili a valutare la fondatezza della pretesa con indicazione delle prove (documenti, testimonianze, ecc.)
  • le generalità dell’interessato e dei componenti della famiglia e i relativi codici fiscali;
  • l’autocertificazione riguardante l’esistenza delle condizioni di reddito previste per la concessione del beneficio;
  • l’impegno a comunicare le eventuali variazioni di reddito rilevanti ai fini dell’ammissione al beneficio (termini: trenta giorni dopo la scadenza del termine di un anno a partire dal deposito della domanda di ammissione o dalla precedente comunicazione di variazione del reddito).

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

 *

QUALI DOCUMENTI DEVI ALLEGARE?

Alla domanda non deve essere allegata la copia della dichiarazione dei redditi. Se il richiedente è straniero (extracomunitario), per i redditi prodotti all’estero, la domanda deve essere accompagnata da una certificazione dell’autorità consolare competente che attesti la verità di quanto dichiarato nella domanda (in caso di impossibilità quest’ultima può essere sostituita da autocertificazione).

Il Consiglio dell’Ordine può chiedere all’interessato la documentazione necessaria per accertare la verità del contenuto della domanda. Se l’interessato non provvede a comunicare le variazioni dei limiti di reddito, il beneficio viene revocato con effetto retroattivo.

La falsità o le omissioni contenute nell’autocertificazione relative alle condizioni di reddito sono punite con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da € 309,81 a € 1549,37; la pena è aumentata se da questi fatti consegue l’ottenimento o il mantenimento del beneficio; la condanna comporta la revoca del beneficio ed il recupero delle somme corrisposte dallo Stato a carico del responsabile.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

*

DOVE PRESENTARLO?

Al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati

  • del luogo dove ha sede il magistrato davanti al quale è in corso il processo;
  • del luogo dove ha sede il magistrato competente a conoscere del merito, se il processo non è ancora in corso;
  • del luogo dove ha sede il giudice che ha emesso il provvedimento impugnato per i ricorsi in Cassazione, Consiglio di Stato, Corte dei Conti.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

 *

CHE DURATA HA?

L’ammissione può essere chiesta in ogni stato e grado del processo ed è valida per tutti i successivi gradi del giudizio. Se la parte ammessa al beneficio rimane soccombente (ossia perde la causa), non può utilizzare il beneficio del patrocinio gratuito per proporre impugnazione.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

 *

QUALI EFFETTI HA L’AMMISSIONE?

L’ ammissione al beneficio produce come principali effetti:

> Difesa da parte di un difensore di fiducia che l’interessato sceglie tra gli iscritti negli elenchi degli avvocati per il patrocinio a spese dello stato tenuti presso i consigli dell’ordine e, nei casi previsti dalla legge, la possibilità di nominare un consulente tecnico. Il difensore e il consulente ricevono un compenso anticipato dall’erario e ridotto alla metà. N.B. : il difensore ed il consulente tecnico non possono chiedere o percepire dal proprio assistito compensi o rimborsi a nessun titolo; altrimenti commettono grave illecito disciplinare.

> Prenotazione a debito del contributo unificato, delle spese di notifica, delle imposte di registro, ipotecarie e catastali e dei diritti di copia.

> Anticipazione da parte dell’Erario di:

– onorari e spese dovuti al difensore;

– indennità e spese di viaggio dovute a magistrati e ufficiali giudiziari per atti compiuti fuori sede;

– indennità di trasferta e spese di spedizione degli ufficiali giudiziari per notifiche e atti di esecuzione a richiesta di parte;

– spese per notificazioni a richiesta d’ufficio;

– spese per legale pubblicità dei provvedimenti;

– spese per il compimento di opere non eseguite o per la distruzione di quelle compiute.

Gli onorari dovuti al consulente tecnico di parte e all’ausiliario del magistrato, sono prenotati a debito, a domanda, anche nel caso di transazione della lite, se non è possibile la ripetizione dalla parte a carico della quale sono poste le spese processuali, o dalla stessa parte ammessa, per vittoria della causa o per revoca dell’ammissione. Lo stesso trattamento si applica agli onorari di notaio per lo svolgimento di funzioni ad essi demandate dal magistrato nei casi previsti dalla legge e all’indennità di custodia del bene sottoposto a sequestro.

Il compenso all’avvocato e al consulente sono liquidati dal giudice contestualmente al merito al termine di ogni fase o grado del procedimento.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

 *

 QUALI TEMPI E ITER?

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, entro 10 giorni da quando è stata presentata la domanda o da quando è pervenuta, verifica l’ammissibilità della domanda e decide sulla stessa in uno dei seguenti modi:

  • può dichiararla inammissibile;
  • respingerla;
  • ammettere in via anticipata e provvisoria, se ricorrono le condizioni di reddito e se le pretese non appaiono manifestamente infondate.

Se il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati respinge o dichiara inammissibile l’istanza, è possibile riproporla al giudice competente, che decide con decreto, unitamente al merito.

La decisione (sia quella del Consiglio dell’Ordine, sia quella del giudice) viene comunicata all’interessato, al giudice competente ed al direttore regionale delle entrate.

Il direttore regionale delle entrate verifica la veridicità delle dichiarazioni relative al reddito e può far effettuare anche accertamenti fiscali; se risulta che il beneficio è stato concesso sulla base di dichiarazioni false, chiede la revoca del beneficio e trasmette gli atti alla Procura della Repubblica competente.

Il giudice decide definitivamente sull’istanza sulla quale si è già pronunciato provvisoriamente il Consiglio dell’Ordine, unitamente al merito.

Il giudice che procede revoca il provvedimento di ammissione:

  • quando, nel corso del giudizio, siano intervenute modifiche alle condizioni di reddito rilevanti al fini dell’ammissione al beneficio,
  • quando, concesso il beneficio in via provvisoria dal Consiglio dell’Ordine, risultano mancanti i presupposti per l’ammissione o se l’interessato ha agito o resistito con mala fede o colpa grave.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

*

VI E’ RECUPERO DELLE SPESE DA PARTE DELLO STATO?

Il provvedimento che condanna alle spese la parte non ammessa al patrocinio che perde la causa stabilisce che il pagamento sia eseguito a favore dello Stato. Lo Stato può esercitare rivalsa se la parte ammessa vince la causa e perciò si trova in condizioni di poter restituire allo Stato quello che è stato speso per lui:

  • per le spese prenotate e anticipate se la parte ammessa vittoriosa consegue almeno il sestuplo delle stesse;
  • per le sole spese anticipate in ogni caso, qualunque sia la somma conseguita.

Lo Stato ha diritto di ripetere gli onorari dalla parte avversa condannata alle spese nelle cause civili o nelle cause penali dove vi sia stata costituzione di parte civile.

Per saperne di più scarica adesso la “Guida Breve all’accesso al Gratuito Patrocinio” CLICCANDO QUI: http://www.avvocatogratis.com/2014/11/guida-breve-al-gratuito-patrocinio-iv-edizione-2014/

 *

 QUALE COSTO?

-> NESSUNO

*

QUALI SONO LE LEGGI DI RIFERIMENTO?

  • artt. 74–89 e 119-136 Testo Unico spese giustizia D.P.R. 30.05.02 n. 115;
  • artt. 3 e 10 TUIR.

 

 *

Per miglior dettaglio sul gratuito patrocinio scarica la Guida per l’Accesso al Gratuito Patrocinio – IV° edizione” che trovi GRATIS QUI o cliccando sulla copertina qui sotto.

Guida Breve al Gratuito Patrocinio III° Edition

Guida Breve al Gratuito Patrocinio IV° Edition

***

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su FACEBOOK!.

Art. 24 Cost. contribuisce dal 2010 a:

1. divulgare l’informazione sul patrocinio a spese dello Stato
2. divulgare informazioni di interesse generale in merito al diritto alla difesa
3. distribuire gratuitamente Guide e supporto per l’accesso al patrocinio a spese dello Stato.

Non aspettare per imparare come darti la migliore tutela: saperne di più vuol dire NON SBAGLIARE!

Ora, scarica qui di seguito le Guide Brevi predisposte dallo staff di Avvocatogratis.com e dall’associazione Art. 24 Cost. CLICCANDO QUESTO LINK ADESSO

oppure guardando subito la video intervista che trovi qui sotto.

ASSOCIAZIONE ART. 24 COST. PER LA TUTELA DEL DIRITTO DI DIFESA

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

4 Comments

  1. Avvocato Saluti. Ho un problema, ok non personalmente. I miei genitori hanno residenza in due comuni differenti (non sono separati, solo hanno scelto di vivere così), mia mamma risiede in toscana e mio padre risiede in Campania. Hanno sempre usufruito del patrocinio a spese dello stato perchè avevano i requisiti (pensione sociale di 524 euro cadauno). Nel 2013 per far fronte a dei debiti hanno venduto un modesto immobile ( seconda abitazione mai utilizzata) che hanno acquistano nel 1977 (modesto, perchè il prezzo di vendita è di soli 20.000 euro), oggi si sono visti revocare il patrocinio a spese dello stato ( per due cause penali) perchè a detta dell’agenzia delle entrate di Lucca, l’immobile fa reddito. Ma se il tuir dice che non fanno reddito i Proventi da vendita di immobili acquistati/costruiti da più di 5 anni o
    adibiti ad abitazione principale. é corretto quanto dice l’agenzia delle entrate? oppure ci provano? é possibile fare ricorso? a chi? Spero in una risposta celere. Saluti, grazie

  2. Salve Marino.
    Per l’ammissione al gratuito patrocinio civile deve avere un un reddito inferiore a € 11.528,41 e può autocertificare il suo reddito (l’ISEE non serve a nulla).

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.
    (Lo può scaricare on line in qualunque formato qui: http://www.smashwords.com/books/view/273075)

    Qui trova i redditi da computare nella determinazione del tetto reddituale per l’ammissione: http://www.avvocatogratis.com/2012/12/tabella-dei-redditi-da-computare-per-il-gratuito-patrocinio/

    Qui invece trova gli avvocati che hanno dato la loro disponibilità al sito e che siamo già riusciti a pubblicare: http://www.avvocatogratis.com/avvocato-gratuito-patrocinio/elenco-avvocati-abilitati-al-gratuito-patrocinio/

    Cordialità.
    Alessio
    Staff
    Associazione ART. 24 COST.
    GUIDA AL GRATUITO PATROCINIO: SCARICALA GRATIS IN E-BOOK
    Patrocinio a spese dello Stato: ecco gratis un PDF di 15 pagine sui segreti per avere l’ammissione al “gratuito patrocinio” e per scoprire una serie di utili
    http://www.avvocatogratis.com

  3. salve,
    ho letto che per accedere a un avvocato gratis bisogna avere un reddito fino a 11.528.41 euro io prendo 1.150 euro al mese di cui sto pagando una rata di 391.00 euro a una finanziari che mi viene sottratto dalla mia pensione automaticamente in più ho una cessione del 5 della mia pensione che mi viene sottratto ancora 221.euro dalla mia pensione in tutto io sto pagando 621,00 euro al mese mi dite voi como faccio a pagare un avvocato che adesso devo mettere?
    Distitamente.
    Sergio

  4. Salve Sergio,
    il tetto reddituale massimo è sceso a € 11.493,82 e fa riferimento al reddito imponibile, senza detrazioni di spese sostenute.

    Per dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.
    (Lo può scaricare on line in qualunque formato qui: http://www.smashwords.com/books/view/273075)

    Ad ogni buon conto, a titolo esemplificativo, fra i redditi da computare nella determinazione del tetto reddituale per l’ammissione si individuano le seguenti voci (http://www.avvocatogratis.com/2012/12/tabella-dei-redditi-da-computare-per-il-gratuito-patrocinio/) è ovviamente da computare anche il TFR come ogni altra retribuzione.

    Cordialità.
    Alessio
    Staff
    Associazione ART. 24 COST.
    GUIDA AL GRATUITO PATROCINIO: SCARICALA GRATIS IN E-BOOK
    Patrocinio a spese dello Stato: ecco gratis un PDF di 15 pagine sui segreti per avere l’ammissione al “gratuito patrocinio” e per scoprire una serie di utili
    http://www.avvocatogratis.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.