custom-header
GRATUITO PATROCINIO E MEDIAZIONE OBBLIGATORIA

LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA E’ LA SOLUZIONE?

La mediazione obbligatoria

La mediazione obbligatoria: entra a regime la riforma

La giustizia non funziona, o quantomeno non funziona con tempi rapidi. I cittadini della Repubblica hanno oramai la percezione che una giustizia che arriva tardi è una giustizia non data.

Nell’intento di deflazionare il carico dei tribunali, dal 20 marzo 2011 è stato  introdotto un passaggio obbligato prima di iniziare il processo.

Da tale data è  quindi obbligatorio, prima di avviare l’attività  processuale vera e propria, tentare la strada della mediazione: lo ha previsto il D.lgs. n.28 del 4/3/2010 (attuato con D.M. N. 180 del 18 ottobre 2010 in G.U. n. 258 del 04/11/2010), che regolamenta anche il percorso di mediazione consentendo l’accesso senza costi con chi ha i requisiti per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato.

Ex art. 17 dl Dlg. 28/2010, al comma 5-bis

“Quando la mediazione è condizione di procedibilità della domanda ai sensi dell’articolo 5, comma 1-bis, ovvero è disposta dal giudice ai sensi dell’articolo 5, comma 2, del presente decreto, all’organismo non è dovuta alcuna indennità dalla parte che si trova nelle condizioni per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, ai sensi dell’articolo 76 (L) del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, e successive modificazioni. A tale fine la parte è tenuta a depositare presso l’organismo apposita dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, la cui sottoscrizione può essere autenticata dal medesimo mediatore, nonché a produrre, a pena di inammissibilità, se l’organismo lo richiede, la documentazione necessaria a comprovare la veridicità di quanto dichiarato.”

L’unica previsione riguarda dunque l’indennità che sarebbe dovuta all’Organismo; per quanto concerne il compenso all’avvocato, che deve obbligatoriamente assistere le parti nelle fasi di mediazione (art. 5 e 8 d.lgs. n. 28/2010), si rileva invece una lacuna che deve essere colmata in via interpretativa.

La mediazione non è  però obbligatoria per tutte le controversie ma solo per quelle di maggior conflittualità interpersonale, ovvero quelle che coinvolgono

  1. i rapporti di condominio,
  2. i diritti reali,
  3. le successioni ereditarie,
  4. i comodati e le locazioni,
  5. l’affitto delle aziende,
  6. il risarcimento danni derivante dalla circolazione di veicoli e natanti,
  7. la diffamazione a mezzo stampa e da responsabilità medica,
  8. oltre che i contratti assicurativi, bancari e finanziari.

Il percorso di mediazione potrà essere anche avviato su base volontaria, in via alternativa all’immediato avvio della fase davanti al giudice, ma in questo caso non sarà consentita l’ammissione in esenzione.

A coloro che hanno diritto all’ammissione al patrocinio a spese dello Stato è consentito l’accesso alla mediazione senza alcun obbligo di versamento dell’indennità dovuta all’organismo di mediazione, salva l’autocertificazione della sussistenza dei presupposti di legge, anche con dichiarazione sostitutiva delle certificazioni richieste dal DPR 115/2002.

Se vuoi saperne di più, qui trovi pubblicata la “Guida Breve all’avvio della mediazione con il gratuito patrocinio“.

Avv. Alberto Vigani

***

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su FACEBOOK!.

Art. 24 Cost. contribuisce dal 2010 a:

1. divulgare l’informazione sul patrocinio a spese dello Stato
2. divulgare informazioni di interesse generale in merito al diritto alla difesa
3. distribuire gratuitamente Guide e supporto per l’accesso al patrocinio a spese dello Stato.

Non aspettare per imparare come darti la migliore tutela: saperne di più vuol dire NON SBAGLIARE!

Ora, scarica qui di seguito le Guide Brevi predisposte dallo staff di Avvocatogratis.com e dall’associazione Art. 24 Cost. CLICCANDO QUESTO LINK ADESSO

oppure guardando subito la video intervista che trovi qui sotto.

ASSOCIAZIONE ART. 24 COST. PER LA TUTELA DEL DIRITTO DI DIFESA

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

4 Comments

  1. Salve,
    volevo sapere dove mi posso recare a Torino per avere assistenza di un avvocato abilitato al gratuito patrocinio.
    Grazie mille.
    Greydis

  2. Gentile Greydis,
    Ti segnalo che a Torino hanno dato disponibilità i seguenti colleghi:

    Avvocato Daniela MESSINA
    Telefono: 3289298973
    Indirizzo: Via Giovanni XXIII n. 2 – 10080 S. Benigno C.se (TO) Via Martiri della Libertà n. 18 – 10072 Caselle T.se (TO)
    Tribunali di riferimento: TORINO e sezioni distaccate, IVREA
    Materia di abilitazione: civile

    Avvocato Maria Rosa QUATTRONE
    Telefono: 011 4342232
    Indirizzo: C.so Ferrucci 38- 10138 Torino
    Tribunali di riferimento: TORINO, SUSA, PINEROLO, CIRIE’
    Materia di abilitazione: civile

    Cordialità.
    Staff.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.