GRATUITO PATROCINIO ANCHE PER LA VENDITA GIUDIZIARIA DEI BENI PIGNORATI

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

STOP PIGNORAMENTI BLOCCATI: IL GRATUITO PATROCINIO VIENE ESTESO PER PRENOTARE A DEBITO IL COMPENSO DELL’INCARICATO ALLA VENDITA GIUDIZIARIA

TUTELA ALLE VENDITE CON IL GRATUITO PATROCINIO

TUTELA ALLE VENDITE CON IL GRATUITO PATROCINIO

Arriva una proposta di legge per evitare che le spese di vendita del pignoramento blocchino le vendite con il gratuito patrocinio.

Chiunque abbia tentato un recupero crediti con il gratuito patrocinio sa, infatti, che esiste un buco nella norma: le spese di vendita del bene pignorato, a volte ingenti, restano oggi a carico del creditore non abbiente. Purtroppo, tali spese sono spesso ingenti e non rendono più fruibile la procedura che si blocca per incapacità economica del creditore, con ogni caducazione della liquidazione dei compensi dell’avvocato.

DDL 2520: COME ELIMINARE LE DIFFERENZE FRA CIVILE E PENALE NEL GRATUITO PATROCINIO

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

BASTA RIDUZIONI ESAGERATE NEL GRATUITO PATROCINIO CIVILE

BASTA DIFFERENZE NEL GRATUITO PATROCINIO

BASTA DIFFERENZE NEL GRATUITO PATROCINIO

Arriva la proposta di legge, frutto di un’elaborazione dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura,  che chiede la parificazione del gratuito patrocinio civile a quello penale. Basta riduzioni al 50% dei compensi per l’uno ed al 30% per l’altro.

Dopo il recente inserimento della riduzione delle liquidazioni nella disciplina del patrocinio a spese dello stato nel processo penale è da ritenersi riaperta la questione di disparità di trattamento delle due norme riguardanti le liquidazioni civili e penali — articolo 106-bis e articolo 130 del dpr 115/2002 — , con l’ovvia alterazione di quell’equilibrio di interessi di natura pubblicistica invocato dalla Consulta nel 2012 (ordinanza n. 270) per giustificare la riduzione in allora prevista per le sole liquidazioni civili.

AGENZIA DELLE ENTRATE BLOCCA COMPENSAZIONE GRATUITO PATROCINIO

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

SI COMPENSANO I DECRETI DI PAGAMENTO O I MANDATI DI PAGAMENTO?

SI COMPENSANO I DECRETI DI PAGAMENTO O I MANDATI DI PAGAMENTO?

SI COMPENSANO I DECRETI DI PAGAMENTO O I MANDATI DI PAGAMENTO?

L’art. 3 comma II del DM 15.07.2016 per la compensazione dei crediti del gratuito patrocinio prevede che possono essere compensati i compensi liquidati dall’autorità giudiziaria con decreto di pagamento a norma dell’art. 82 del testo unico.

Orbene, per quanto l’espressione “decreto di pagamento” sia magari somigliante al mandato di pagamento necessario per l’incasso delle somme liquidate, si capisce che essa non lo può essere quando ci si riferisce nella norma dell’art. 3 a quanto liquidato ex art. 82 del DPR 115/2002.

In effetti, il disposto dell’art. 82 prevede al comma I che:

IN GAZZETTA IL DM 15.07.2016 PER LA COMPENSAZIONE DEL GRATUITO PATROCINIO

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

ECCO IL DM 15.07.2016 PER LA COMPENSAZIONE DEL GRATUITO PATROCINIO

compensazione gratuito patrocinio

compensazione gratuito patrocinio

Arriva in Gazzetta Ufficiale il Decreto Ministeriale per consentire la compensazione dei debiti fiscali dell’avvocato con i crediti per spese, diritti e onorari,  spettanti ai medesimi avvocati che hanno assistito clienti in regime di patrocinio a spese dello Stato.

Ricordiamo che il DM segue a quanto approvato in legge di Stabilità 2016 a seguito di un lavoro dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura iniziato con il Congresso Nazionale Forense di Venezia l’11.10.2014 ove venne approvata una mozione scritta da un avvocato che lavora anche per l’associazione Art. 24 Cost.: Alberto Vigani.

Per consentire a tutti gli interessati interessati di poterne fruire, riportiamo di seguito il testo integrale del Dm pubblicato in Gazzetta il 27 luglio 2016.

COMPENSAZIONE DEI CREDITI DA GRATUITO PATROCINIO? ORA SI PUO’!

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI CREDITI DA GRATUITO PATROCINIO CON LE TASSE DELL’AVVOCATO

COMPENSAZIONE GRATUITO PATROCINIO

COMPENSAZIONE GRATUITO PATROCINIO

Ogni Avvocato sa che per garantire una difesa servono le risorse per sostenerla.
Per quasi 15 anni, dalla promulgazione del DPR 115/2002 che ha ridisciplinato la difesa dei non abbienti prevista dall’art. 24 della Costituzione, l’avvocatura ha faticato a garantire assistenza dei più deboli perchè i pagamenti dei processi sostenuti arrivavano ad anni di distanza dalla loro fine.

VADEMECUM ISTANZE DI LIQUIDAZIONE PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

GUIDA ALLA LIQUIDAZIONE DEI COMPENSI DEL GRATUITO PATROCINIO

LIQUIDAZIONE GRATUITO PATROCINIO

LIQUIDAZIONE GRATUITO PATROCINIO

L’Ordine degli Avvocati di Torino, dopo la riforma che ha introdotto l’art. 83 comma 3 bis al DPR 115/2002,  ex legge di stabilità 2016, ha pubblicato un interessante prontuario sull’applicazione della riforma per la liquidazione immediata dei compensi del patrocinio a spese dello Stato.

Ne condividiamo i contenuti con i lettori per diffondere la conoscenza della prassi del 5° più grande ordine forense italiano.

David del Santo

Vademecum istanze liquidazione PATROCINIO A SPESE DELLO STATO presentate in udienza (dopo art. 83 comma 3 bis DPR 115/2002, introdotto dalla legge di stabilità 2016)

LIQUIDAZIONE GRATUITO PATROCINIO: SERVE DEPOSITO ISTANZA PRIMA DI FINE LITE

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

QUANDO DEPOSITARE L’ISTANZA PER OTTENERE LA LIQUIDAZIONE IMMEDIATA DEL GRATUITO PATROCINIO?

LIQUIDAZIONE GRATUITO PATROCINIO

LIQUIDAZIONE GRATUITO PATROCINIO

Come abbiamo già scritto qui, la recente riforma di cui all’art. 83, comma 3 bis, d.P.R. 115/2002 prevede la liquidazione del compenso per il difensore di parte ammessa al patrocinio a spese dello Stato entro la chiusura della fase processuale alla quale detta parcella è inerente. Detta norma si applica anche ai processi in corso e quindi a tutte le liquidazioni successive al 22 gennaio 2016.

Per consentire la liquidazione della sua parcella, l’avvocato del gratuito patrocinio deve perciò depositare la richiesta di pagamento dei compensi prima della chiusura del giudizio.

Diversamente, il magistrato non avrà alcunché su cui provvedere e chiuderà il procedimento, o la sua fase, senza liquidare le competenze del gratuito patrocinio.

ARRIVA LA LIQUIDAZIONE IMMEDIATA DEL GRATUITO PATROCINIO: COME FARE?

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

QUANDO NON SI PUO PIU’ PRESENTARE L’ISTANZA DI LIQUIDAZIONE DEL GRATUITO PATROCINIO?

Liquidazione Gratuito Patrocinio

Liquidazione Gratuito Patrocinio

Il Tribunale di Verona, con decreto dell’8 aprile 2016, a firma del dott. Relatore Vaccari,  pronuncia in merito alle prime applicazioni della recente riforma di cui all’art. 83, comma 3 bis, d.P.R. 115/2002 che prevede la liquidazione del compenso per il difensore di parte ammessa al patrocinio a spese dello Stato entro la chiusura della fase processuale  alla quale detta parcella è inerente.

GRATUITO PATROCINIO: LA STORIA DI UNA RIFORMA

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

GRATUITO PATROCINIO. LA RIFORMA DELLA LIQUIDAZIONE: UNA VITTORIA DAI MOLTI PADRI, O SOLO UNO?

Gratuito patrocinio: una vittoria della giustizia

Gratuito patrocinio: una vittoria della giustizia

Come sempre accade vi sono storie che non interessano a nessuno fino a quando diventano famose; allora tutti ne vogliono parlare, tutti ne rivendicano una conoscenza diretta o persino un ruolo da co-protagonisti nell’averle fatte accadere.

Tutto questo è successo al patrocinio spese dello Stato ed alla sua recente comparsa in legge stabilità 2016.

Dopo anni di poca attenzione riservata alla difesa processuale dei più deboli, improvvisamente molti hanno deciso di riservarle uno spazio sotto i riflettori, per parlare proprio di quell’argomento scomodo che è la Giustizia e la difesa degli indifesi.

UN AIUTO AGLI AVVOCATI PER DARE PIU’ GIUSTIZIA

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

COME UN’IDEA PER LA DIFESA DEI PIU’ DEBOLI DIVENTA UNA LEGGE DELLO STATO

LA STORIA DEGLI EMENDAMENTI ALLA LEGGE DI STABILITA’ 2016 IN MATERIA DI PATROCINIO A SPESE DELLO STATO APPROVATI IN PARLAMENTO

 

GRATUITO PATROCINIO E RISORSE PER LA GIUSTIZIA

GRATUITO PATROCINIO E RISORSE PER LA GIUSTIZIA

Oggi, domenica 20 dicembre, la Camera dei Deputati ha approvato due emendamenti alla Legge di Stabilità 2016 (DDL C3444), che erano passati lo scorso 16 dicembre 2015 in Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, proposti dai deputati PD Rossomando, Vazio, Berretta, Rubinato e altri, finalizzati a risolvere una parte dei problemi di funzionamento del patrocinio a spese dello Stato.

LE NORME SUL GRATUITO PATROCINIO VANNO AVANTI IN LEGGE DI STABILITA’

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

EMENDAMENTI ALLA LEGGE DI STABILITA’ 2016 IN MATERIA DI PATROCINIO A SPESE DELLO STATO APPROVATI IN COMMISSIONE BILANCIO  

EMENDAMENTI CAMERA DEI DEPUTATIDEI DEPUTATI

EMENDAMENTI CAMERA DEI DEPUTATI

Il 15 dicembre sono state approvate in Commissione Bilancio due norme importanti della futura legge di stabilità in materia di gratuito patrocinio.

Gli emendamenti, già approvati in commissione Giustizia, che fanno in modo che gli avvocati che assistono persone non abbienti, le quali hanno diritto al gratuito patrocinio, potranno compensare i crediti per gli onorari dovuti dallo Stato e non ancora saldati con quanto dovuto per ogni imposta e tassa, compresa l’Iva, nel limite di 10 milioni annui (proposto dalla deputata Anna Rossomando con il sostegno del vicepresidente della commissione giustizia Franco Vazio), e si ‘velocizzano’ le procedure per l’erogazione di tali spese”: la liquidazione dei compensi dovrà avvenire immediatamente al momento del deposito del provvedimento della fase a cui sono inerenti.

ANCHE AL SENATO SI CHIEDE DI DARE EFFICIENZA AI COMPENSI DEL GRATUITO PATROCINIO

La conoscenza è potere: condividi e fai girare.Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditShare on Tumblr

DISEGNO DI LEGGE SUL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PRESENTATO AL SENATO 

Gratuito patrocinio al Senato

Gratuito patrocinio al Senato

Il Senatore Enrico Buemi, assieme al collega Fausto Longo, firma anche al Senato il DDL per garantire la certezza dei pagamenti del patrocinio a spese dello stato. Mai più gratuito patrocinio a carico dell’avvocato.

Un nuovo DDL chiede oggi di autorizzare la compensazione facoltativa dei crediti per compensi  del gratuito patrocinio per sbloccare le eterne attese degli avvocati per la liquidazione delle difese sostenute.

Tutto, infatti, nasce da una presa d’atto: una difesa senza risorse é una difesa più debole, é un rischio per una giustizia giusta. Dobbiamo renderci conto che lasciare la difesa dei meno abbienti a carico della sola avvocatura é la condanna di una funzione e difensiva zoppa, priva di risorse.