Archivio tag: patrocinio a spese dello stato

GRATUITO PATROCINIO: AGGIORNAMENTO 2014 LIMITE DI REDDITO

NEL 2014 AGGIORNATO IL TETTO REDDITUALE PER IL GRATUITO PATROCINIO FINO AL 2012

Reddito imponibile e gratuito patrocinio

Reddito imponibile e gratuito patrocinio

Con il Decreto 1 aprile 2014 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2014, n. 169) il Ministro della Giustizia ha consentito l’adeguamento del limite di reddito per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato all’aumento dell’indice Istat dei prezzi al consumo.

Il nuovo riferimento reddituale è stato così elevato da euro  10.766,33 ad euro  11.369,24.

Da oggi, quindi, sarà possibile chiedere l’ammissione al beneficio del patrocinio statale se si ha un reddito imponibilà uguale od inferiore ad euro 11.369,24.

Il tetto reddituale è però stato aggiornato solo fino al biennio 2010/2012, ovvero fino al 30 giugno 2012, anche se oramai è decorso un uteriore biennio, essendo trascorso già il 30 giugno 2014.

GRATUITO PATROCINIO? SI PUO’.

PATROCINIO LEGALE A SPESE DELLO STATO? SI PUO’!

Riportiamo l’intervista rilasciata a IL CANTIERE MAGAZINE.

Il CANTIERE MAGAZINE: GRATUITO PATROCINIO? SI PUO'

Il CANTIERE MAGAZINE: GRATUITO PATROCINIO? SI PUO’

«La legge è uguale per tutti” è una bella frase che rincuora il povero, quando la vede scritta sopra le teste dei giudici, sulla parete di fondo delle aule giudiziarie; ma quando si accorge che, per invocar la uguaglianza della legge a sua difesa, è indispensabile l’aiuto di quella ricchezza che egli non ha, allora quella frase gli sembra una beffa alla sua miseri». Questa frase, del celebre giurista Calamandrei, racchiude perfettamente il senso dell’istituto giuridico che per tutti i cittadini è davvero utile conoscere: il patrocinio legale a spese dello Stato.

AVVOCATO, SANZIONE DISCIPLINARE A PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

COSA ACCADE AL GRATUITO PATROCINIO SE L’AVVOCATO SUBISCE UNA SANZIONE DISCIPLINARE?

FINE DEL GRATUITO PATROCINIO

FINE DEL GRATUITO PATROCINIO

Il CNF risponde al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Oristano, con nota 5 novembre 2013, in merito  al parere richiesto con il quesito: “in caso di conferma di una sanzione disciplinare superiore all’avvertimento, come deve comportarsi il collega se assiste una parte già ammessa al gratuito patrocinio”?

Questo in particolare con riferimento alla cancellazione di diritto dall’elenco dei procuratori abilitati dell’avvocato più afflittivamente sanzionato.

David Del Santo

ART. 24 COST.


Il Consiglio Nazionale Forense risponde, quindi, in merito alla  questione degli effetti della sanzione disciplinare definitiva sulla prosecuzione dell’attività difensiva del professionista che assista una parte ammessa al patrocinio a spese dello Stato.

GRATUITO PATROCINIO PENALE: PERCHE’ SI LIQUIDA A RIBASSO IL COMPENSO?

Il Giudice non ha criteri vincolanti per la liquidazione del compenso al difensore con il Patrocinio a spese dello stato: vediamo perchè.

Parcelle penali in trappola

Parcelle penali in trappola

Seguendo la recente lettura del magistrato di sorveglianza, per la  liquidazione del compenso spettante all’avvocato che assiste con il  patrocinio a spese dello Stato, il giudice non è tenuto ad uniformarsi inderogabilmente ai parametri introdotti dal D.M. 55/2014, dovendosi considerare ancora vigente l’art. 1, comma 7, D.M. 140/2012, mai abrogato dal più recente decreto, secondo cui i valori minimi di cui alla tabella ministeriale non sono vincolanti per la liquidazione stessa. Ciò in quanto, in mancanza di un’espressa abrogazione dell’intero D.M. 140/2012), restano in vigore le “disposizioni generali” contenute nel Capo I del medesimo D.M. 140/2012 e, in particolare, quella dell’art. 1, comma 7, secondo cui le soglie numeriche tabellarmente indicate “in nessun caso … sono vincolanti per la liquidazione.

UN PAESE CHE HA PERSO LA GIUSTIZIA

NON PUOI FARNE A MENO

GIUSTIZIA?

PUOI VIVERE SENZA GIUSTIZIA?

“La giustizia è come l’aria.
Ti accorgi di quanto è importante quando comincia a mancare.
Io già non mi sento molto bene.”

L’esordio sarebbe stato una fantastica battuta di Groucho Marx, se non fosse così simile a quello che tutti gli italiani cominciano davvero a pensare.

Perché oramai tutti noi – e dico davvero tutti – ne abbiamo la consapevolezza.

Nell’immaginario collettivo degli italiani, l’idea condivisa è che ormai il “sistema giustizia” si chiami così solo di nome, mentre il frutto del suo operato non suona come dovrebbe. Non porta sollievo a chi ha patito un torto, non rimuove i cattivi dalla circolazione, non aiuta a far funzionare le cose, anzi, pare proprio il contrario.

NUOVO CODICE DEONTOLOGICO FORENSE

Codice Deontologico Forense, versione aggiornata del  31.01.2014

DEONTOLOGIA FORENSE E GRATUITO PATROCINIO

DEONTOLOGIA FORENSE

Le regole etiche dell’avvocatura connotano una figura professionale che deve essere corerente ai principi costituzionali.

Per consentire la miglior comprensione della funzione e dell’importanza dell’avvocato riportiamo il nuovo testo del Codice deontologico forense deliberato dal Consiglio Nazionale Forense lo scorso 31 gennaio 2014 in conseguenza alla riforma forense  di cui alla legge n. 247/2013.

Si modifica anche la disciplina del patrocinio a spese dello Stato:

“Art. 3.

(Doveri e deontologia)

1. ……………. L’avvocato ha obbligo, se chiamato, di prestare la difesa d’ufficio, in quanto iscritto nell’apposito elenco, e di assicurare il patrocinio in favore dei non abbienti.  ……………..

Il codice deontologico entra in vigore decorsi sessanta giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

LEGITTIMA DIFESA: PROPOSTA SHOCK DELLA LEGA PER IL GRATUITO PATROCINIO A 70MILA EURO

LA LEGA PRESENTA IL PROGETTO DI AMMISSIONE AL GRATUITO PAROCINIO PER LA LEGITTIMA DIFESA

LEGA NORD – GRATUITO PATROCINIO E LEGITTIMA DIFESA

LEGA NORD – GRATUITO PATROCINIO E LEGITTIMA DIFESA

I Leghisti spiazzano tutti diventando i paladini delle garanzie dei cittadini. I partiti tradizionali restano al palo e nemmeno replicano.

In Lombardia, infatti, la LEGA NORD ha presentato alla Regione un progetto di legge sulla legittima difesa con l’innalzamento del tetto reddituale per l’ammissione al patrocinio a spese pubbliche.

Il primo firmatario della proposta di legge regionale è proprio il vicecapogruppo del Carroccio, Fabio Rolfi.

GRATUITO PATROCINIO E DISTRAZIONE DELLE SPESE PROCESSUALI

PUOI CHIEDERE LA DISTRAZIONE DELLE SPESE CON IL GRATUITO PATROCINIO?

Patrocinio a spese dello stato e distrazione delle spese

Patrocinio a spese dello stato e distrazione delle spese

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 1009 del 20 gennaio 2014, precisa la disciplina della distrazione delle spese processuali con riferimento all’ambito di assistenza con l’assistenza in regime di patrocinio a spese dello stato del regolamento di giurisdizione negandone l’estensibilità.

Vediamo in quali casi.

In primis, si precisa che l’ammissione al beneficio per i non abbienti abilita alla scelta di un difensore iscritto negli elenchi degli avvocati per il patrocinio a spese dello Stato (art. 80), con la conseguenza che l’onorario e le spese spettanti al difensore sono liquidati, nella metà dell’ordinario, dall’autorità giudiziaria con decreto di pagamento (art. 82) e che nessun altro compenso può essere percepito dal difensore dal proprio assistito (art. 85).

COSTI DELLA GIUSTIZIA E SPESA PER IL GRATUITO PATROCINIO

SI PARLA DI SPENDING REVIEW MA NON PER LE POLTRONE DELLA GIUSTIZIA CHE CONTANO PIU’ DEL GRATUITO PATROCINIO

Costo della giustizia italiana

Costo della giustizia italiana

Il budget della Giustizia è pari ad oltre 7,5 miliardi di euro. Il 96,88 % se ne va in stipendi mentre al gratuito patrocinio ne resta un importo che va dal l’1,5 % al 2,9% a seconda di come lo si calcola, dati 2010. (clicca la tabella qui a fianco con tutti i dati disaggreggati)

C’è però un mondo a parte in cui, anche in tempi di crisi, i tagli non pesano per nulla.

Questo mondo è la direzione della macchina giustizia, dove capitoli di spesa ed enti paiono intoccabili.

IL MANIFESTO DEL GRATUITO PATROCINIO

IL MANIFESTO DEL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

MANIFESTO GRATUITO PATROCINIO

MANIFESTO GRATUITO PATROCINIO

Ogni giorno che passa ci rendiamo conto della scarsa considerazione che abbiamo dell’effetto degli atti del potere giudiziario ‘sulla’ e ‘nella’ nostra vita.

Oramai viviamo nella convinzione che l’apparato pubblico che presiede all’erogazione degli atti giudizari non sia più l’espressione di un mezzo di tutela e, anzi, possa essere per ciascuno di noi un mostro burocratico a cui dover render conto senza ragione.

Non parliamo più di qualcosa e qualcuno che lavora per noi, ma solo di una macchina inesorabile che si muove con logiche proprie per interessi che non sono più quelli del cittadino.

Siamo quindi consapevoli che il singolo individuo non si sente più il soggetto di diritti, ma solo un bersaglio di attenzioni indesiderate. Un bersaglio tanto più grande quanto è solo.

IL GRATUITO PATROCINIO E’ DAVVERO FINITO?

IL PATROCINIO  SPESE DELLO STATO CHE FINE STA FACENDO?

E la riforma della giustizia?

E la riforma della giustizia?

Patrocinio a spese dello Stato? Se ne parla poco, e spesso si fa anche confusione. Si mischiano ruoli, scopi, responsabilità e persino si perde il senso di quello che è il contesto di riferimento.

Il gratuito patrocinio, o più correttamente il patrocinio a spese dello Stato, è sempre più trascurato dallo stesso soggetto statuale che dovrebbe sostenerlo e i soggetti che ne sono i materiali erogatori, gli avvocati, sono trattati con il rispetto che si dedica usalmente ad uno zerbino.

Mentre il patron del PD promette che riformerà la giustizia, la legge di Stabilità 2014 del governo Letta lascia la questione del tutto irrisolta e approfitta del ministero di giustizia e dell’ordinamento giudiziario solo per aumentare il gettito fiscale.

INFOGRAFICA: COSA C’E’ DA SAPERE SUL GRATUITO PATROCINIO

INFOGRAFICA: A COSA SERVE IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO?

Infografica: il gratuito patrocinio

Infografica: il gratuito patrocinio

Molte volte non conosciamo ciò che più ci potrebbe servire perchè non si trova mai l’occasione di capire come davvero funziona e come ottenerlo.

Altrettanto spesso basta incontrare un semplice esempio della questione per rompere il ghiaccio e raggiungere il risultato. Secondo noi può accadere anche con il gratuito patrocinio.

La materia in sè sembra ostica e magari non si sa di avere diritto ad una difesa legale al di là delle proprie capacità economiche.

Per questa ragione l’Ass. Art. 24 Cost. ha fatto predisporre questa infografica con i dati più interessanti per conoscere cos’è ed a cosa serve il “Patrocinio a spese dello Stato” rispondendo alle domande più frequenti. Ad esempio: