COME SCRIVERE LA DOMANDA DI AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO?

GRATUITO PATROCINIO: ISTRUZIONI PER L’USO

Gratuito patrocinio

Gratuito patrocinio

Spesso non si sa come attivare un servizio a cui si ha diritto e non si riesce a beneficiarne solo perchè non si trovano le istruzioni minime per evitare che la pubblica amministrazione risponda con incomprensibili divieti o rifiuti privi di ogni buon senso.

A volte può capitare anche con l’ammissione al gratuito patrocinio (o, con la dizione aggiornata, “Patrocinio a spese dello stato”).

Al fine di scongiurare giri a vuoto e riuscire nell’attivazione immediata dell’istituto, vediamo assieme come preparare la domanda di ammissione al gratuito patrocinio, a chi inviarla e come schivare errori che impedirebbero il pagamento delle spese di lite da parte dello stato.

Per facilitare la comprensione del percorso esaminiamo uno ad uno i punti salienti rispondendo alle domande più frequenti (FAQ).

1. Chi può proporre la domanda di ammissione al gratuito patrocinio? Chi può sottoscriverla?

Esclusivamente l’interessato ovvero chi vuole beneficiare del patrocinio a spese dello stato. La sottoscrizione da parte  dell’avente diritto è a pena di inammissibilità  e la firma deve essere autenticata dal difensore o dal funzionario che riceve la domanda.

La domanda di ammissione deve essere quindi solo scritta. Non è perciò ammessa la richiesta in forma orale, nemmeno in udienza.


2. Chi può presentare la domanda di ammissione al gratuito patrocinio?

Dopo che l’interessato ha sottoscritto la domanda, il medesimo, o il suo difensore, può presentare la domanda o inviarla anche con raccomandata postale. Per la validità  della domanda non si può farla inviare o depositare a soggetti diversi dall’avvocato incaricato della difesa con gratuito patrocinio, salvo che l’invio o il deposito non avvengano da parte dello stesso interessato.

3. Quando si presenta la domanda di ammissione al gratuito patrocinio?

Prima dell’inizio del giudizio (processo) o durante il giudizio stesso, ma gli effetti decorrono solo dalla domanda: le attività di difesa giudiziale svolte prima della presentazione della domanda di ammissione resteranno perciò a carico dell’assistito e non potranno essere addebitate al patrocinio a spese dello stato.

4. A chi si presenta la domanda di ammissione al gratuito patrocinio?

Nei giudizi penali: la domanda va depositata alla cancelleria del giudice, oppure va presentata al giudice in udienza; la domanda va presentata invece al direttore del carcere, se l’interessato è detenuto o all’ufficiale di polizia giudiziaria, quando l’interessato è  in detenzione domiciliare o in luogo di cura.

Negli altri giudizi (civile, amministrativo etc.): al consiglio dell’ordine degli avvocati cui è iscritto il legale cui si intende affidare la difesa.

5. Come si scrive la domanda di ammissione al gratuito patrocinio?

La domanda deve contenere la richiesta di ammissione al patrocinio a spese dello Stato; l’indicazione del processo cui si riferisce; le generalità  (nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza) e il codice fiscale del richiedente e dei familiari conviventi. Si deve dichiarare, sotto la propria responsabilità , che si è nelle condizioni di reddito richieste dalla legge e specificare il reddito totale. Occorre anche impegnarsi a comunicare le variazioni di reddito successive alla presentazione della domanda.

La mancanza di uno solo di questi elementi rende la domanda inammissibile. I cittadini di stati non appartenenti all’Unione europea, inoltre, devono indicare quali redditi possiedono all’estero.

La domanda deve essere firmata dall’interessato e la firma deve essere autenticata dall’avvocato o dal funzionario dell’ufficio che la riceve. Nei giudizi extrapenali: si devono anche descrivere i fatti e i motivi della causa che servono a valutarne la fondatezza, nonché le prove che si vogliono chiedere.

6. Quali documenti devono allegarsi alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio?

I cittadini italiani non devono allegare alcuna documentazione  in quanto possono autocertificare l’esistenza dei requisiti di legge (vi sarà  una successiva verifica da parte dell’Agenzia delle Entrate).

I cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea devono allegare una certificazione del consolato del Paese d’origine che confermi la veridicità  del reddito dichiarato, salvo il ricorso all’autocertificazione qualora si provi l’impossibilità  di documentarlo.

I cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea sottoposti a provvedimenti restrittivi della libertà  personale possono produrre la certificazione consolare entro il termine di 20 giorni, anche tramite il difensore o un familiare. Successivamente alla presentazione della domanda, il giudice o il consiglio dell’ordine possono chiedere di provare la verità  delle dichiarazioni con documenti scritti o, nel caso di impossibilità , con ulteriore autocertificazione.

7. In quanto tempo viene decisa l’ammissione al gratuito patrocinio?

Nei processi penali: l’ammissione è decisa immediatamente, se l’istanza è presentata in udienza, o entro dieci giorni dal momento della presentazione, negli altri casi. Il ritardo nella decisione comporta la nullità  assoluta degli atti successivi.

Negli altri giudizi: l’ammissione è decisa entro dieci giorni dalla presentazione dell’istanza.

www.avvocatogratis.com

ASSOCIAZIONE ART. 24 COST. PER LA TUTELA DEL DIRITTO DI DIFESA

Se ORA vuoi davvero saperne di più sul Patrocinio a spese dello Stato, scarica qui di seguito le Guide Brevi predisposte dallo staff di Avvocatogratis.com e dall’associazione ART. 24 Cost.:

  1. Guida Breve per l’accesso al GRATUITO PATROCINIO.

  2. Guida Breve alla Separazione ed al Divorzio con il gratuito patrocinio.

  3. Guida Breve all’Affidamento Condiviso dei figli con il gratuito patrocinio.

  4. Guida Breve al Licenziamento ed all’Impugnativa con il gratuito patrocinio.

  5. Guida Breve al Recupero dei Crediti di Lavoro con il gratuito patrocinio.

  6. Guida Breve all’Amministratore di Sostegno con il gratuito patrocinio

  7. Guida Breve alla Mediazione Civile con il gratuito patrocinio

  8. Guida Breve alla Riabilitazione Penale con il gratuito patrocinio

  9. Guida Breve alla Esdebitazione Fallimentare con il gratuito patrocinio

  10. Guida Breve al Recupero Crediti dei lavoratori dell’appalto con il gratuito patrocinio

  11. Guida Breve alle Dimissioni per Giusta Causa con il gratuito patrocinio

  12. Guida Breve al Risarcimento ex Legge Pinto con il gratuito patrocinio

  13. Guida Breve al Recupero del Credito con Decreto Ingiuntivo anche con il gratuito patrocinio

  14. Guida Breve per l’accesso alla procedura di ristrutturazione della Crisi da Sovraindebitamento anche con il gratuito patrocinio

  15. Guida Breve allo Sfratto per Morosità anche con il gratuito patrocinio

 

Non aspettare per imparare come darti la migliore tutela: saperne di più vuol dire NON SBAGLIARE! Scarica adesso le guide brevi, sono gratis.
Buona lettura.
ART. 24 COST.

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

110 pensieri su “COME SCRIVERE LA DOMANDA DI AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO?

  1. VIORICA 74

    Gentile avocato buongiorno.Due anni fa ho affitato una casa con contratto tramite agenzia.Ai tempi ero fidanzata .Che il mio fidanzato faceva da garate.Quatro mesi fa sono andata via ho consegniato le chiave al proprietario dove propieterio aveva firmato che la casa era aposto.Adesso e arrivata una raccomandata al mio ex fidanzato (garante)dove chiede 3000 euro di spese .

  2. Monica O.

    Buongiorno.
    Il mio reddito imponibile dell’anno scorso supera il tetto massimo di 10.628,16 euro, però in questo momento non ho alcuna fonte di reddito (i miei 240 gg di disoccupazione sono finiti all’inizio di questo mese). Ho diritto al gratuito patrocinio?

  3. admin

    Salve, Monica.
    Per l’ammissione al gratuito patrocinio civile oggi devi avere un un reddito inferiore a € 10.766,33 e può autocertificare il suo reddito (l’ISEE non serve a nulla). Al reddito imponibile vanno detratte le detrazioni di legge.

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.

    Cordialità.
    Alessio
    Staff
    Associazione Art. 24 Cost.

  4. Laura

    Salve,
    lavoro a tempo indeterminato per un’azienda che è in liquidazione da novembre 2012, ma ad oggi non ha ancora chiuso, opera e paga gli stipendi ai dipendenti. E’ normale questa cosa? come ci si può appellare? La liquidazione tra l’altro è stata indetta semplicemente per cambiare i contratti di lavoro, riassumendo i dipendenti sotto altre ragioni sociali. Cosa si può fare? Molti dipendenti temono il posto di lavoro e vagano silenziosi a orecchie basse. C’è un compenso che spetta ad ognuno di loro? Attendo vostro riscontro e ringrazio in anticipo.

  5. Antonio

    Salve Avvocato!

    Non so cosa fare, non ce la faccio più!!! devo ridurre la quota di alimenti. Quando ci siamo separati il mio redito era elevato rispetto a quello d’oggi. Adesso que sono con uno stipendio basso devo abassare la quota alimentare…. Quindi ne ho bisogno dell’avvocato…. Ma, se uno è in cassa integrazione guadagni a singhiozzo (cioè vai in CIGS 3 settimane e poi una di ferie per 6 mesi, prendendo quasi 1000 euro al mese) e poi in cassa integrazione a zero ore, è possibile che alla fine dell’anno superi il limite di 10.766,33.

    Allora come si può fare a pagare alimenti (Euro 600) poi mutuo (Euro 300) e anche le sue spese per sopravivere, e poi pagare l’avvocato quando si prendono in media nell’arco dell’anno 1000 euro al mese? L’ordine degli avvocati guarda queste cose? o semplicemente si basa nel limite del redito? E se l’ordine degli avvocati non accetta la domanda come si può fare? Cioè se la persona ha bisogno di un avvocato perche non riesce in questo momento di crisi? Non so se mi spiego.

    In altri paesi, come la spagna ho saputo che la persona si rivolge direttamente al tribunale o al giudice che accoglie la domanda direttamente dall’interessato e modifica la sentenza sotto il compromesso del padre che nel momento che il suo redito sia migliore lo dovrà comunicare subito al giudice o tribunale. Una cosa più giusta secondo me.

    Allora vi chiedo cosa si può fare in questi casi?

    Grazie mille per la vostra risposta!!

  6. admin

    Salve, Laura.
    Potete chiedere l’ingiunzione di pagamento per gli stipendi. Vedi qui http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-recupero-crediti-di-lavoro/
    Per l’ammissione al gratuito patrocinio civile oggi devi avere un un reddito inferiore a € 10.766,33 e può autocertificare il suo reddito (l’ISEE non serve a nulla). Al reddito imponibile vanno detratte le detrazioni di legge.

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.

    Cordialità .
    Alessio
    Staff
    Associazione Art. 24 Cost.

  7. admin

    Salve, Antonio.
    Mi spiace ma il sistema italiano non è derogabile. AL più potresti verificare se le detrazioni sono accettate dal tuo Ordine degli Avvocati e ti fanno scendere il reddito.

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.

    Cordialità .
    Alessio
    Staff
    Associazione Art. 24 Cost.

  8. admin

    Salve, Gaudenzio, senza esame di alcunchè,
    non so dirle così se la causa sia fondata, ma se lo fosse lei avrebbe diritto al gratuito patrocinio in presenza dei requisiti reddituali.
    Per l’ammissione al gratuito patrocinio civile oggi devi avere un un reddito inferiore a € 10.766,33 e può autocertificare il suo reddito (l’ISEE non serve a nulla). Al reddito imponibile vanno detratte le detrazioni di legge.

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.

    Cordialità .
    Alessio
    Staff
    Associazione Art. 24 Cost.

  9. admin

    Salve, Viorica, senza esame di alcunchè,
    non so dirle così se la causa sia fondata, ma se lo fosse lei avrebbe diritto al gratuito patrocinio in presenza dei requisiti reddituali.
    Per l’ammissione al gratuito patrocinio civile oggi devi avere un un reddito inferiore a € 10.766,33 e può autocertificare il suo reddito (l’ISEE non serve a nulla). Al reddito imponibile vanno detratte le detrazioni di legge.

    Per miglior dettaglio circa l’ammissione al gratuito patrocinio anche veda QUI http://www.avvocatogratis.com/guide-brevi/guida-al-gratuito-patrocinio/ Guida Pratica all’accesso al Gratuito patrocinio” “GUIDA BREVE ALL’ACCESSO AL GRATUITO PATROCINIO”.

    Cordialità .
    Alessio
    Staff
    Associazione Art. 24 Cost.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>